" L me pais......." (Mondrone)

Quasi an fund a la valada
ch'a compis 'l nostr Piemont
jè  'n pais, mei car cambrada
'ncurunà da d'auti munt
Cul ch'a l'è cust bel pais?
L'è d'la tera ' paradis,
i lu diu cun cummusium:
l'è ' nostr car e bel Mundrun.

O Mundrun, t'ses cit, ma bel è
L'uja a guerna le tue cà,
cun la punta drita al ciel,
cum 'na mare 'l so masnà.
Giù a l'invers d'la valada
Jè 'na splendida cascada:
chi ch'a peul fè 'da paragun
cun la gran Gorgia 'd Mundrun?

Veuli fè del lait la cura?
Si a jè 'd vache 'n quantità.
Veuli fè la cura d'laria?
Si as respira,as tira 'l fià.
Veuli fè la cura d'l'acqua?
Al Pianard l'è franc giassè.
Veuli a fè i vostri pulmun?
Gnente d'mej che avnf a Mundrun
.

Di dinturn cosa ch'i diruma?
E d'le sue specialità?
Jè 'd bur bun, d'la buna tuma,
jè giù 'n bas 'n tapis 'd pra;
jè su 'nsemia la Rucetta,
ch'as aspeta 'na villetta.
Ja di bosc,d'opere,d'ruciun.....
Cosa ch'at manclu a ti,Mundrun

T'las 'na cesa d'le pi sgnure
Cun la piassa,ch'as farà.
'l to arloge a segna j'ure
da due bande illuminà.
Perchè d'neuit fan nen stupì
I cisir visch an t'le cuntrà;
ma ch'ai sia d'co da dì
l'è 'd Mundrun specialità

E d'le blesse tue,Mundrun,
Veulì dì,peì,ma franc dabin ;
T'las d'le ca',di palasum,
t'las d'hutei,'d vile, d'villin,
it ses ja per dabun
quasi quasi 'n cit Turin.
Ah, Turin l'è 'n sitadun:
ma d'istà l'è mei Mundrun.

A dij sgnuri villegiant
peus fè a meno mi d'parlè?
No: che lur sun sempre tant
generus (e si ch'a je
d'le culete 'n bel barun!)
che nui sutri tuti quant
l'ume da essij per dabun
ubbligà a nom  d'Mundrun

E d'la gent(veui ch'in perdune,
furesta ch'i seve si;
ma d'la gent, chi ancurune,
mi ten ancur caicosas da di)
Ma su a custe muntagnune
Ai sun tante virtù bune,
brave fie, bei garsun:
nen per di ...... suma 'd Mundrun!

Ecco,i vedu che le fie
A fan segn d'appruvasiun,
"brave fie e bei garsun".
Pudria di, sensa fè rie:
"brau garsun e bele fie".....
Ma veui stè 'nt'la discresiun;
però a sun l'unur d' Mundrun!

A l'è vera, a san blaghè
Cun la scuffia ' d tradissiun:
cun vuss bela a san cantè;
ma a so temp cun cugnissiun:
Ma a travaiu a cà, 'n ti prà,
fan i so duver d'pietà,
a van tute 'n processiun ......
sun le perle  'd nostr  Mundrun.

Fin adess l'uma parlà
'n po' per rie, 'n po' per dabun;
l'uma dit la verità,
ch'a riguarda 'l nostr Mundrun:
In permetti 'd cambiè vuss
P'r an mument? Che mi veui unì
A 'n ricord triste e pietus,
peui i ' v dagu 'l me "bundì".

Stamatin, o cari amis,
tuti nui l'uma 'rcurdà
i fieui mort del nostr pais.
Povri fieui, ch'a sun cascà
Per difendi dai memis
Qust' Italia tant amà
Perch ' ai deissa 'l Paradis
'l Signur l'uma pregà

E bin, nui chi celebruma
La memoria 'd custi mort,
stuma brau, e travaiuma
pr'essi degn, 'd custi fort.
Fort e uni! Vurumse bin ;
Dumse mai mai gnun sagrin.
‚N cheur sul, sempre ‚n cheur bun!
Sempre avanti e mai passiun!
Suma tuti fieui ' d Mundrun.


Poesia del Modronese
Don Silvio Solero

"Il mio paese ...."(Mondrone).

Quasi in fondo alla vallata
che completa il nostro Piemonte
c'è un paese mie cari amici
incoronato da alti monti
Qual'è questo bel paese?
E della terra il paradiso,
io lo dico con commozione:
è il nostro caro e bello Mondrone

O Mondrone sei piccolo ma bello e
L'Uja protegge le tue case
con la punta dritta al cielo,
come una madre il suo bambino
Giù in fondo alla vallata
c'è una splendida cascata:
chi può fare dei paragoni
con la gran Gorgia di Mondrone?

Vuoi fare del latte la cura?
Qui ci sono vacche in quantità.
Vuoi fare la cura dell'aria?
Qui si respira, si tira il fiato
Vuoi fare la cura dell'acqua ?
Al Pianard è molto ghiacciata.
Volete fare i vostri polmoni ?
Niente di meglio che venire a Mondrone

Dei dintorni cosa diremo?
E delle sue specialità?
C'è del burro buono, della buona toma
c'è giù in basso un tappeto di prati;
c'è in cima alla Roccetta
che ti aspetta una villetta
ci sono dei boschi, dei roccioni
cosa ti manca Mondrone

Hai una chiesa delle più ricche
Con la piazza, che si farà.
Il tuo orologio segna le ore
da due parti illuminato
Perché di notte non fanno stupire
I lumi accesi nella contrada
Ma che sia anche di giorno
di Mondrone la specialità

E delle tue bellezze, Mondrone
Vuoi dire, per davvero
Hai delle case, dei palazzoni
Hai degli alberghi, ville, villini
e sei quasi per davvero
quasi, quasi una piccola Torino
Ah, Torino è un cittadone
ma d'estate e meglio Mondrone

Dei signori villeggianti
posso fare a meno di parlare?
No :perché sono sempre tanto
generosi ( e quando ci sono
le collette si raccoglie un bel mucchio)
che ci copre  tutti quanti
abbiamo da essere per davvero
riconoscenti a nome di Mondrone.

E la gente(voglio che mi perdoniate,
forestieri che siete qui;
ma della gente che c'è ancora
ho ancora qualche cosa da dire)
Ma su queste montagne
Ci sono tante virtù buone
Brave ragazze e bei ragazzi
Non per dire siamo di Mondrone !

Ecco vedo che le ragazze
Fanno segno d'approvazione
"brave ragazze e bei ragazzi"
potrei dire senza far ridere
"bravi ragazzi e belle ragazze"
Ma voglio rimanere nella discrezione
però sono l'onore di Mondrone !

E' vero sono eleganti
con la cuffia della tradizione
con voce bella sanno cantare
ma quando serve, con cognizione:
lavorano a casa e nei prati
E fanno i loro doveri di pietà
van tutte in processione ……
sono le perle del nostro Mondrone.

Fino adesso abbiamo parlato
un pò per ridere e un pò sul serio;
abbiamo detto la verità,
che riguarda il nostro Mondrone
Mi permettete di cambiare tono
Per un momento? Che mi voglio uinire
A un ricordo triste e pietoso,
poi vi do il mio "saluto"

Stamattina o cari amici,
tutti noi abbiamo ricordato
i ragazzi morti del nostro paese.
Poveri ragazzi che sono caduti
per difendere dai nemici
questa Italia tanto amata.
Perché gli desse il paradiso
il Signore abbiamo pregato

E ben noi che celebriamo
La memoria di questi morti
stiamo bravi, e lavoriamo
per essere degni di questi forti
Forti e uniti !Vogliamoci bene;
Ma non urtiamoci a vicenda
Un solo cuore, sempre un cuore buono !
Sempre avanti e con passione !
Siamo tutti figli di Mondrone.

Tradotta dal Piemontese all'Italiano da Franco Cerrato con la supervisione di  Alberto Vanzo e Domenica Titta
Pubblicata in esclusiva sul sito di Mondrone   nell'ottobre del 2004

HOME 

PRECEDENTE

SUCCESSIVA