Mondrone "ufficiale" e "alternativa"?

Qualche riflessione...



Questa parte della sezione vuole essere dedicata al gruupo di giovani che è presente a Mondrone: gruppo non numerosissimo (e questo, per certi aspetti non è un male…), ma molto vario, di provenienza (territoriale) non omogenea, espressione di esigenze, pensieri e situazioni differenti.

Io ho parlato ora di "gruppo"; forse sarebbe meglio specificare "gruppi", perché fino a pochi anni fa si potevano ben distinguere almeno due gruppi di ragazzi, da qualcuno prontamente definiti "mondrone ufficiale" e "mondrone alternativa".

La definizione, specie la seconda, ha in sé una carica di negatività che esprime già il tipo di giudizio che comunemente veniva espresso nei confronti dei componenti di questa seconda "compagine" giovanile.
Credo invero che tale differenza oggi non esista più, o, se ancora esiste, molto si sia assottigliata, e ben lo dimostra la maggiore coesione che esiste fra i giovani.

Certo, non c'è una standardizzazione dei ragazzi su un modello fisso di "bravo, educato e gentile giovanotto", ci sono i "più" e per forza di cose anche i "meno", ma poco conta; inoltre, e questo mi pare sia da sottolineare, tale negativa visione di alcuni giovani è piuttosto ingenerata da una incomprensione, da una poca conoscenza propria di chi non si trova a condividere con essi molta parte dell'estate, e non ha modo di afferrarne fino in fondo la personalità.

Questo spazio non vuole essere una critica rivolta a nessuno, non ho certo io l'autorità per farlo, anzi, ben sono pronto a ricevere le critiche che mi si vorranno muovere; intendo piuttosto lasciare spazio a un tema che rappresenta un aspetto non trascurabile, ponendosi, alla fin fine, a fondamento dei rapporti interpersonali che si instaurano fra noi giovani, e a fondamento della amicizia che ne può scaturire.

Di discorsi, fatti e avvenimenti, in queste ultime estati ce ne sono stati, e ben lo sa chi c'era, c'è o non c'è più a Mondrone; nelle pagine che seguono potete trovare qualche riflessione sparsa che trae spunto da situazioni realmente avvenute e cerca di indagare i sentimenti, i pensieri, la realtà.

Ovviamente, chiunque intenda contribuire, anche per replicare a quanto ivi contenuto, può scriverci una e-mail, e sarò ben felice, se mi è consentito, di pubblicarla.




  1. Introduzione  di Stefano C.

  2. L'amicizia     di Luca S. e Aristotele

Indice                           
Home page