Il primo direttivo del Circolo Mondronese era così formato: Presidente era l'ing. Giaccone e segretario il rev. Don Veglia mentre il gruppo consiliare annoverava i seguenti signori: Bertolotti, Boffetta, Michele Drovetto, Facciotto, Gamba, Gentilini, Morganti, Ressia, Tamponi, Giovanni Solero, Raimondo Solero. Il primo tesseramento fruttò un incasso di L. 16.000 a cui si aggiunse un contributo dell'Istituto S. Paolo di L. 30.000, elargito al Parroco.
  Nel luglio del 1969, iniziarono i lavori di allestimento del campo di pallavolo dietro la parrocchia a cui parteciparono tutti i ragazzi e anche i genitori. Nella riunione del 20-08-69 gli iscritti risultavano 75 (quasi tutti nuclei familiari). Erano in preparazione una saletta per i giovani, a piano terra sul lato del campo di pallavolo, e la recinzione del campo medesimo, e in previsione un gioco da bocce da costruirsi su un terreno messo a diposizione dalla Maestra Sig.na Maria Secondina Solero, ma questo impianto non fu mai realizzato. In quell'anno venne riconfermato lo stesso direttivo del precedente.
  Nel 1970 i lavori furono mirati alla realizzazione dell'attuale campo polisportivo, in quanto il parroco Don Veglia con una paziente opera di convincimento riuscì, attraverso scambi, lasciti e permessi d'uso verbali, a mettere insieme un bel rettangolo di terreno che andava dal Ruscello (
bealera dei Veillin) alla scarpata verso Stura con confine a monte il sentiero del Pianard e Vallonetto. Per lo scasso del terreno e lo spianamento eseguito in autunno, s'interessò il geometra Luigi Solero, con una spesa di L. 350.000.
  Nell'anno 1973 si ebbe un'entrata straordinaria di ben L. 250.000, offerte dalla Maestra Solero, che fu sempre molto sensibile e munifica con il Circolo Mondronese. Dal 1973 ad oggi (estate 2000  Ndc) la gestione-cassa è sempre stata attiva. Dalla fondazione del Circolo, fatta eccezione per il 1969, non fu più redatto alcun verbale fino al  1976; come documentazioni possediamo quindi soltanto le relazioni di cassa e pertanto per poter risalire ai nominativi dei presidenti si è dovuto ricorrere alla nostra memoria. Nel 1972-73 1'iniziativa del presidente rag. Gavarotti diede un impulso determinante ai lavori del campo sportivo, che negli anni precedenti erano stati un po'  trascurati, vuoi in attesa dell'assestamento del terreno, vuoi per il trasporto e la spianatura del ghiaione di fondo per il futuro battuto in cemento, che fu finalmente realizzato nel giugno de1 1973, con la spesa di L. 460.000, dalla ditta Semes, con la collaborazione di tutti i ragazzi e di alcuni pavimentisti conoscenti di Gino Castagneri. Si tratta a tutt'oggi dell'opera più impegnativa e significativa realizzata dal Circolo Mondronese.
  Dal 1974 al 1975 presidente fu l'Avv. Lamberto Lamberti, segretario Giovanni (Nanni) Solero, cassiere il rag. Gavarotti, che successivamente rassegnarono le dimissioni; in quel periodo ci si concentrò esclusivamente sulle manifestazioni d'agosto, poiché lo sforzo sostenuto per le realizzazioni del 1973 richiedeva un periodo di assestamento anche a livello finanziario. Il nuovo direttivo del 1975 - 1976, testimonianza di una struttura organizzativa  via  via

Home page                Indice                       Precedente              Segue